Cit.

Cit.

Play.

«Prima dell’inferno c’è stata la casa.

Il bacio furtivo nel retro del giardino a tredici anni; l’odore e la puzza della casa; le nuvole nere; l’ebbrezza del tuono molto vicino; il rifugio del bambino; l’angolo vicino alla finestra; la coperta durante la febbre; la noia felice; e brividi di beatitudine.

C’è stata, in due parole, l’intimità mentale. Il campo decreta la perdita dell’intimità mentale, stabilendo così una nuova morte che respira.

Ci sono molti modi di morire: il peggiore è rimanendo vivi».

Soundtrack: Trevor Green – This Must Be The Place

Annunci

Auguri, David!

Auguri, David!

Qualche settimana fa stavo sistemando il mio archivio fotografico digitale su Google Foto, e scorrendo con la barra a destra tra i vari mesi nei quali ho scattato quelle foto, mi sono fermato a riguardare quelle del 2 luglio 2016. Luogo: Circo Massimo, Roma.

Forse non ci avevo mai pensato in maniera intensa, ma quel giorno sono riuscito ad avverare uno dei miei sogni da bambino: vedere David Gilmour dal vivo. A pochi metri dal mastodontico palco, mentre l’Italia giocava i quarti di finale dell’Europeo contro la Germania, e il sole calava dietro i pini di una Roma tropicale, venivo colpito nuovamente dal suono di quella Stratocaster nera. Continua a leggere “Auguri, David!”

Lo streaming ha già salvato qualcuno

Lo streaming ha già salvato qualcuno

È da circa un anno e mezzo che sono un abbonato a Netflix, la famosa piattaforma online attraverso la quale è possibile vedere un’infinità di film, serie tv e documentari. In pratica: dal computer (o molto più comodamente dall’applicazione sul tuo smartphone) puoi accedere, quando vuoi e come preferisci, ad una quantità tendente ad infinito di prodotti audiovisivi, e così poi gustarteli dal tuo divano, o dal sedile di un treno.

Personalmente, attraverso una Chromecast, condivido quei contenuti sulla mia TV e riesco a vedermi delle serie tv spettacolari, così come dei film capolavori, in HD, all’orario che preferisco, senza interruzioni pubblicitarie e con la possibilità di mettere stop per andarmi a preparare una fetta di pane e Nutella. Continua a leggere “Lo streaming ha già salvato qualcuno”

Dovunque

Dovunque

Capita che certe canzoni siano belle sempre, dovunque, suonate in qualsiasi modo, cantate da una donna o da un uomo, sopra il palco di Sanremo o nel salotto di casa, con un’orchestra arrangiata magistralmente, o con una chitarra acustica leggermente calante.

E se sei capace di scrivere questa roba così universale, questa formula magica attraverso la quale ogni persona può riconoscersi e specchiarsi, be’: hai scritto qualcosa che si avvicina ad un capolavoro.